Lifting cosce

Cos’è il lifting delle cosce?

Il lifting delle cosce è un intervento chirurgico atto a migliorare l’estetica della parte superiore delle gambe, rimuovendo la pelle in eccesso e conferendole maggiore fermezza. Questa procedura viene eseguita principalmente in pazienti che hanno subito una riduzione significativa del volume delle gambe e delle cosce e, di conseguenza, possiedono un eccesso di pelle.

Perché si esegue?

Il lifting delle cosce è usato per rassodare la pelle in eccesso dopo una drastica perdita di peso. A seconda dell’obiettivo perseguito, esistono diversi tipi di intervento:

  • Lifting all’interno delle cosce: tratta i problemi di perdita di elasticità della pelle e viene eseguito con un’incisione praticata nel punto giunzione tra la coscia e l’area pubica per rimuovere la pelle in eccesso;
  • Lifting bilaterale delle cosce: viene utilizzato per rassodare la pelle della parte anteriore ed esterna della coscia attraverso un’incisione praticata nella parte superiore della gamba;
  • Lifting della parte centrale delle cosce: riduce la pelle in eccesso della regione interna-superiore della coscia attraverso un’incisione nella zona inguinale, che si estende sul retro della piega del gluteo.

In cosa consiste?

La procedura dura circa 40 minuti e viene eseguita generalmente in anestesia locale. Il chirurgo eseguirà un’incisione che gli permetterà di effettuare l’escissione della cute necessaria per consentire il sollevamento della pelle. In seguito, si procederà a suturare la ferita e ad apporre un bendaggio elastico nella zona trattata.

Preparazione per il lifting delle cosce

Il paziente, insieme allo specialista, deciderà il tipo di lifting più appropriato in base alle necessità e alle condizioni dello stesso. Le raccomandazioni da seguire prima dell’intervento sono:

  • Eseguire gli accertamenti clinici prescritti dallo specialista;
  • I fumatori dovranno astenersi dal fumo i giorni prima dell’intervento;
  • Interrompere, se necessario, l’assunzione di particolari farmaci (es. anticoagulanti);
  • Mantenere il digiuno per almeno 7 ore prima della procedura.

Recupero a seguito della procedura

È essenziale evitare l’attività fisica a seguito dell’intervento per non mettere in tensione le suture. Dopo circa tre giorni, le bende e i drenaggi verranno rimossi e lo specialista indicherà al paziente il tipo di calze da utilizzare. Il dolore potrà essere ridotto dai farmaci, anche se dopo una settimana i disturbi saranno praticamente scomparsi. Due settimane dopo l’intervento le suture verranno rimosse e dopo poche settimane si ripristinerà l’aspetto normale delle gambe.